• Dom. Lug 21st, 2024

Ilgiallorosso. eu

ilgiallorosso, News in tempo reale sull'AS Roma

Candela: “Roma, fidati di Ghisolfi ma prendi Icardi”

 “Punto sulle capacità di Ghisolfi, ma non solo su di lui. De Rossi è la garanzia che il primo pensiero sarà per la Roma e in passato non sempre è successo”. Vincent Candela, francese di nascita e romano d’adozione, campione d’Italia con la Roma, del mondo e d’Europa con la Francia, è la persona che meglio di tutti può decifrare la squadra franco-romana che sta nascendo.

Candela, cosa pensa del nuovo uomo mercato?
“Le aspettative su Ghisolfi sono tante, ma le fondamenta sono fatte da società, d.s. e allenatore. È importante cooperare, non pensare ai propri interessi ma al bene della Roma, e negli ultimi tempi non sempre è successo perché ognuno pensava al proprio conto”.

La Roma è da rifondare?
“Siamo già un po’ in ritardo, ma il nuovo direttore è arrivato da poco. Mi aspetto che tra Daniele, Ghisolfi e la società sappiano come gestire i soldi. Credo che De Rossi abbia fatto le sue richieste: mi aspetto una decina di giocatori nuovi, ne partiranno tanti, sono curioso di capire su chi andremo a puntare”.

Lei da dove partirebbe?
“I giocatori più importanti da prendere sono il centravanti e il difensore centrale. Me li aspetto il prima possibile: più si aspetta e più è difficile arrivare alle prime scelte”.

Un nome?
“Il centravanti deve garantire 20 gol. Uno come Icardi sarebbe una garanzia, perché in quel ruolo anche un 18enne può costare tanto. I giovani li aspetto in altri ruoli. Spero che Ghisolfi riesca a portare calciatori promettenti, che già a 19 anni siano pronti per il campionato italiano. Non mi aspetto Leao, ma che trovi il nuovo Leao”.

I margini di errore?
“La Roma non può sbagliare. L’anno prossimo deve lottare per andare in Champions e se arriveranno una decina di calciatori, al massimo se ne potranno sbagliare un paio. L’importante è avere un filo conduttore nelle operazioni per non perdere credibilità nei confronti del presidente e dei tifosi. Preferisco giocatori che non si conoscono ma con un margine di crescita”.

E i molti esuberi?
“Sarà complicato piazzarli tutti ma si dovrà rimediare agli errori dei direttori precedenti. Più si va avanti con l’età e più è difficile piazzare i calciatori. Però va fatto, a costo di rimetterci qualcosa dal punto di vista economico”.

Chi non cercare?
“Eviterei chi disputa l’Europeo e la Coppa America, che lasceranno degli strascichi nelle gambe. E quest’estate ci sono anche le Olimpiadi…”.

Dove ci sono i giovani più interessanti?
“In Francia e Brasile, i campionati dove ci sono la maggior parte dei giovani che poi diventano calciatori forti. In Francia sono molto avanti nella formazione dei calciatori. E Ghisolfi è francese…”.

Cominciano gli Europei: il suo pronostico?
“La Francia è favorita perché c’è una grande generazione di calciatori forti, hanno esperienza e lavorano da anni con lo stesso allenatore. Poi ci sono l’Inghilterra, che è molto forte ma non vince mai, e l’Italia. Sarebbe bello se la finale fosse Italia-Francia”.

ilgiallorosso.eu