• Gio. Lug 25th, 2024

Ilgiallorosso. eu

ilgiallorosso, News in tempo reale sull'AS Roma

Stadio della Roma, lo studio del club sui trasporti: “La metà dei tifosi ci raggiungerà in metro”

Tutti allo stadio ma con i trasporti pubblici: la nuova vita dei tifosi

La scommessa sostenibile della Roma sta tutta nei dati presentati nella relazione sul traffico e sulla mobilità allegata al progetto del nuovo stadio. Secondo i tecnici ingaggiati dal club per buttare giù lo studio preliminare, i tifosi arriveranno allo stadio soprattutto con i mezzi pubblici: in 18.288 arriveranno a Pietralata in metro.

In ordine di prossimità, l’impianto del futuro è servito dalle fermate Quintiliani, Tiburtina e Bologna della metro B. Altri 5.225, stando sempre alle proiezioni dei progettisti della Roma, dovrebbero scegliere il treno: a Tiburtina fermano le linee ferroviarie urbane Fl1 (Orte-Fiumicino Aeroporto), Fl2 (Tiburtina-Tivoli) e Fl3 (Ostiense-Viterbo). Altri 523 dovrebbero preferire il taxi. Mentre 2.090 andranno allo stadio a piedi o in bici. Quindi la mobilità privata: 16.720 fan dovrebbero scegliere l’auto (calcolando una media di tre persone per vettura) e 9.405 la moto.

Risulta “chiusa” la stazione metro più vicina, quella di Quintiliani. “Da sottolineare è la decisione, per motivi di sicurezza e miglior gestione dei flussi, di tenere chiusa la fermata Quintiliani al termine delle partite“, si legge nei documenti allegati al progetto. L’ipotesi su cui sono al lavoro i tecnici ingaggiati dalla società per ora taglia quindi fuori la stazione a soli 350 metri dallo stadio. A fine match dovrebbe risultare inaccessibile, proprio come la fermata Circo Massimo nei giorni dei grandi concerti.

Completano il quadro i supporter a caccia di un taxi dopo il triplice fischio (1%) e le tifoserie ospiti dirette verso i pullman (4%). Nei documenti allegati al progetto, la Roma punta decisa anche sulla mobilità condivisa. La scommessa sullo sharing va anche oltre la disponibilità attuale di auto, scooter e monopattini. Al punto di immaginare anche un possibile sistema di navette: nel progetto si parla infatti di “servizi on demand innovativi” accompagnando all’annuncio la foto di un autobus.

Ilgiallorosso.it