• Lun. Apr 22nd, 2024

Ilgiallorosso. eu

ilgiallorosso, News in tempo reale sull'AS Roma

Moggi a sorpresa in assemblea Juve. Consegna ad Agnelli una chiavetta Usb: «Qui c’è tutta Calciopoli»

L’ex dg: «Sono qui per ringraziare Andrea. La Juventus ha vinto sempre sul campo, anzi forse hanno rubato qualcosa a noi»

C’è anche un intervento a sorpresa, ma non troppo, tra un azionista e l’altro. È quello di Luciano Moggi, che sale al microfono e parte all’attacco per difendere la Juventus: «Sono qui per capire, a leggere i giornali sono catastrofi e invece sento cose diverse. Poi sono venuto per ringraziare Andrea Agnelli, nove scudetti non si vincono con facilità, solo chi c’è dentro conosce le difficoltà che ci sono per vincere. La leggenda che la Juve vince perché ruba è assurda. La Juventus ha vinto sempre sul campo, anzi forse hanno rubato qualcosa a noi». L’elenco degli episodi potrebbe essere lungo, secondo Moggi. E così l’ex dirigente bianconero ne sceglie alcuni che ritiene significativi: «A Perugia, col diluvio del Curi. E l’anno dopo, quando hanno cambiato le regole in corsa per favore la Roma facendo giocare Nakata che segnò contro di noi proprio il gol scudetto. E poi guardate chi c’è in panchina a fare il team manager (riferendosi ad Orial, ndr), quello che ha contraffatto il passaporto di Recoba. Io ancora combatto per Calciopoli, noi siamo stati ritenuti colpevoli per cose che hanno fatto altri». 

La battaglia di Moggi non finisce qui e passa anche da un regalo per lo stesso Agnelli: «Ho portato un cofanetto con una chiavetta, qui c’è tutta Calciopoli. Sentirai Carraro dire che Lazio e Fiorentina non possono retrocedere, e di non aiutare la Juventus». L’ex direttore generale insiste: «Volevo continuare dicendo che, se è vero che è stato riaperto il caso plusvalenze perché pensano di aver trovato cose nuove è altrettanto vero che dovrebbe essere riaperta Calciopoli. È una ferita che non si rimargina né per noi né per la Juve, sono sei anni che lavoriamo per questo cofanetto. Meani, dopo un Milan-Chievo 1-0, dice: “Ti ho fatto dare 7 da Cecere, il giornalista della Gazzetta, ti faremo fare gratis in Svizzera un trapianto di capelli”. Ma non mi piace il discorso di Arrivabene sul piano tecnico, la Juventus non ha un centrocampo all’altezza, non bisognava pensare agli attaccanti, ma a chi deve dare la palla agli attaccanti».

Ancora l’ex direttore generale bianconero: «Un mio pensiero sul prossimo Cda, perché voglio bene alla Juventus. Vorrei venisse fatto come era prima del 2006, quando c’era gente che si intendeva di calcio. Finita la Juventus di quel tempo, la Nazionale è sparita completamente dalla circolazione. Credo sarebbe opportuno che le figurine come gli ex giocatori non debbano servire alla Juventus, ora bisogna tornare a ricreare la Juventus che vince tutto. Come era la nostra e pure quella di Andrea Agnelli fino a qualche anno fa. Ci sono dei cicli, si è aperto un ciclo nuovo, bisogna proporre giocatori giovani. Prestiamo attenzione al Cda perché è la macchina, serve chi sa amministrare ma anche chi deve occuparsi dell’area sportiva. Bisogna sapere vendere, comprare, scovare giocatori da giovani. Voi vi ricorderete che Cristiano Ronaldo l’avevamo preso quando aveva 17 anni, poi un giocatore (Salas, ndr) ha rifiutato il trasferimento e tutto andò a monte. La Juventus deve essere sempre vincente. E non ha mai rubato per vincere, questo è il punto».

ilgiallorosso.eu