• Gio. Giu 13th, 2024

Ilgiallorosso. eu

ilgiallorosso, News in tempo reale sull'AS Roma

Mourinho: “La gente non dà a questa squadra ciò che merita. Bove lo porterei in braccio. Parlo solo a fine stagione”

José Mourinho a DAZN

Partiamo dalla fine, da quel cerchio finale. Cosa ha detto alla squadra?
“Complimenti a tutti quelli che hanno vinto e hanno vinto tutti, tutti loro. Oggi mancavano solo Dybala, Darboe e Tammy che è andato all’ospedale. Tutti gli altri erano lì e hanno vinto loro, con uno spirito di gruppo incredibile e giocando molto bene, se si può dire molto bene contro una squadra come il Verona. Penso sia una vittoria molto meritata, hanno fatto un grandissimo sacrificio. Cinque o sei hanno giocato in Austria, Karsdorp non giocava da più di due mesi, Spinazzola arriva da un infortunio, Bove l’anno scorso giocava in un campo di plastico, Belotti non giocava da tanto tempo, Solbakken apprende, impara a giocare con noi e a conoscere tatticamente la nostra squadra. Fisicamente anche lui ha una situazione difficile. El Shaarawy non aveva mai giocato due partite di fila nella sua carriera oggi ha fatto la quarta di fila, Zalewski gioca quinti di destra, oggi avanti. È una squadra a cui la gente non dà quello che merita”.

Belotti ha fatto una grande partita:
“Grandissima. Grandissima. Lo meritava. Meritava anche il gol per tutto il lavoro fatto. Oggi Montipò ha fatto una parata incredibile. Non potrei essere più felice con i ragazzi e con il gruppo. Mi dispiace solo che la gente non dà credito alla squadra per quello che fa. Ci sono circostanze difficili che la gente non capisce o non vuole capire, anche per questo sono grato alla squadra”.

Oggi un altro soldout:
“Dipende dai soldout. Contro il Bodø lo stadio vince da solo. Oggi è stato un altro tipo di soldout. Una palla persa e i fischi. La gente non capisce quello che stiamo facendo. A destra non abbiamo Maicon o Cafù. Se io sono tifoso della Roma, un ragazzo come Bove lo porterei in braccio perché è più tifoso di tutti e dà tutto. Quando sono arrivato, doveva andare in Serie C in prestito, ora è titolare. Voi non aiutate perché la Roma vince solo con la fortuna, voi non aiutate. Io non ho bisogno di parole belle, ma i giocatori sì. Oggi hanno vinto loro e un pochettino la curva. Io non sono nessuno per criticare, sono loro che devono criticare me. Loro sono l’allenatore, non io. Mi scuso per la mia posizione, mi scuso, ma devo difendere i miei ragazzi”.

In Europa è arrivata una sconfitta immeritata:
“Parliamo a fine della stagione, alla fine della stagione ho tanto da dire. Adesso non è il momento di parlare. In un anno e mezzo qui non ho mai dato un’intervista. Faccio solo le conferenze e le interviste post partita per evitare le multe. Magari sbaglio o forse no, ma aspettiamo la fine della stagione”.

José Mourinho in conferenza stampa (a cura dell’inviato, Gabriele Chiocchio)

La Roma sta iniziando a giocare bene senza i suoi migliori palleggiatori. Quali sono i motivi?
“Abbiamo lavorato bene in ritiro. La squadra ha più qualità quando siamo tornati. I ragazzi crescono, i più giovani. Gente come Mancini, Cristante e Ibanez, c’è il lavoro che fa migliorare. Chris non è troppo giovane, ma sono giocatori che crescono di qualità. I ragazzi stanno crescendo, di solito le squadre che hanno la pressione mediatica e sociale di fare grandi cose sono squadre che non hanno bisogno di far crescere i giocatori. Ho sempre avuto pressioni di fare cose importanti, però avevo prodotti finiti, giocatori di livello e di esperienza altissima. Questa gente cresce, arriviamo da un anno e mezzo insieme, questo Bove è diverso dal Bove di un anno e mezzo fa. Quando sono arrivato doveva andare in prestito in C. Solbakken non si era mai allenato su un campo di erba naturale. Senza il credito che i ragazzi meritano andiamo avanti. Giovedì ce n’è un’altra, contro una squadra che ha fatto SPA in Austria, hanno giocato in 3. Andiamo lì di nuovo, se vinciamo è fantastico, se perdiamo andiamo a casa e possiamo dormire tranquilli, anche nel momento della sconfitta è gente che può vivere in pace”.

Questa squadra è terza in classifica e la Roma sta giocando bene. Cosa si sente di rispondere a chi parla male della Roma?
“Spinazzola per me ha fatto una partita fantastica. Quando abbiamo fatto una partita di squadra di questo livello è dura per me parlare del migliore in campo. Leonardo ha fatto una partita straordinaria, pensavo di cambiare lui e Karsdorp al 60′ perché non pensavo avessero benzina per 90′, ma ho visto l’evoluzione della partita di Leo che è arrivato alla fine con una condizione molto buona, come Cristante, El Shaarawy, i tre difensori, chi gioca tutti i minuti ha fatto uno sforzo fantastico. Chi ha giocato meno e ha giocato oggi ha fatto una grande partita di squadra, sono molto contento principalmente per loro. Non è una gioia personale, sono contento per loro, meritavano di vincere questa partita contro un avversario difficile”.

ilgiallorosso.eu